Liceo Scientifico Augusto Righi
Viale Carlo Pepoli 3 - Bologna

Condividi

PROGETTO ERASMUS+

The following videos and presentations were carried out within the project "School Media Centre" 2015 - 2017

Video per l'alternanza scuola lavoro Classe 3S

Davide's Video

Bologna-Witten Exchange - 2017

Untitled Video

Scambio

Exchange 2017

________________________

Winter week sestola 2016 2017 (video)

Righi lab winter (video) 

Vela lab 2017 (video)

________________________

 CLIL Approach presentation

 
 
 
 
 
 
 

  ________________________________________________________________________________________________________

SCHOOL MEDIA CENTER. TAMING THE FOURTH POWER

DURATA: 1.9.2015/1.9.2017

SCUOLE PARTECIPANTI:

  1. SCUOLA CAPOFILA: ZESPOL SZKOL OGOLNOKSZTALCACYCH n. 1

CITTA’: Ruda Slaska ( Polonia)

 

(SCUOLE PARTNERS)

  1. LICEO RIGHI
  2. KOYCEGIZ FEN LISESI

CITTA’: Mugla (Turchia)

  1. LICEUL TEORETIC “VASILE ALECSANDRI”

CITTA’: Iasi (Romania)

  1. GIMNAZIUM T.G.MASARYKA

CITTA’: Litvinov (Repubblica Ceca).

OBIETTIVI

  1. Migliorare la qualità dell’offerta formativa sviluppando approcci innovativi.
  2. Rinforzare l’insegnamento delle competenze-chiave, comprese le abilità di base in particolare rispetto alla capacità d’iniziativa, la conoscenza delle lingue e le abilità digitali.
  3. Accrescere il peso dei titoli scolastici nel campo del lavoro.
  4. Promuovere le pratiche innovative nell’istruzione, nel tirocinio e in generale tra i giovani sostenendo gli approcci didattici personalizzati, l’apprendimento cooperativo, il pensiero critico, l’uso strategico dell’informatica, le risorse didattiche aperte, l’apprendimento aperto e flessibile, la mobilità virtuale e altri metodi di apprendimento innovativi.
  5. Promuovere la cooperazione interregionale e internazionale strutturata.
  6. Migliorare la crescita professionale delle persone coinvolte nel campo dell’istruzione, del tirocinio e dei rapporti con i giovani.
  7. Promuovere l’educazione all’imprenditorialità per sviluppare la cittadinanza attiva, l’idoneità al lavoro e alla creazione di nuove imprese.
  8. Aumentare la partecipazione nell’insegnamento e nella vita lavorativa sviluppando l’assistenza e la consulenza nella ricerca dell’impiego.
  9. Facilitare il passaggio degli studenti attraverso i diversi livelli e tipi di istruzione formale o informale.
  10. Oltre al materiale comune che sarà postato sulla pagina web del progetto, le diverse scuole si concentreranno su alcuni temi specifici in base alle rispettive competenze:

 

 

1. Italia - Media: Internet - tema principale: metodi didattici, approcci e forme di insegnamento innovativi assistiti dalle tecnologie – materiali didattici dalla Rete in particolare nelle materie scientifiche.

2. Romania – tema principale – la stampa moderna: metodi didattici, approcci e forme di insegnamento innovativi in particolare nell’insegnamento della prima lingua e delle lingue straniere

3. Polonia – tema principale – la televisione e il cinema: metodi didattici, approcci e forme di insegnamento innovativi in particolare nelle materie artistiche e sociali

4. Repubblica Ceca – tema principale – la radio: metodi didattici, approcci e forme di insegnamento innovativi in particolare nelle materie umanistiche

5. Turchia – forme digitali di presentazione ed implementazione pratica nella didattica

 

ATTIVITA’

Le attività da realizzare all’interno del progetto sono le seguenti:

  1. Scambi di 1 settimana per studenti (8 studenti per ogni mobilità) con 2 docenti come accompagnatori.
  2. Gruppi di lavoro cooperativo in ambienti di apprendimento innovativi assistiti dalle tecnologie.
  3. Discussioni sul tema scelto (Per quanto riguarda il Liceo Righi, l’uso didattico di Internet in particolare nelle materie scientifiche).
  4. Lavoro in comune sul materiale digitale da realizzare: pagina web, musica, video, brochures online, etc.).
  5. Visite alle autorità, istituzioni, aziende e organizzazioni del luogo.
  6. Cooperazione e produzione di documenti relativi ai media moderni, alla metodologia e alle forme di lavoro che fanno uso della tecnologia e delle risorse moderne.

 

INCONTRI ORGANIZZATIVI

Ogni sei mesi i referenti, i coordinatori del progetto e se possibile i dirigenti o i loro delegati prenderanno parte ad un incontro organizzativo transnazionale:

1. Il primo di questi avrà luogo in Polonia come paese organizzatore ( 19-21 ottobre 2015). Durante questa visita:

a. avremo modo di conoscerci di persona, di scambiare informazioni dettagliate sui nostri istituti, e di presentare materiale sulla situazione educativa, geografica, sociale ed economica nelle nostre città, regioni e paesi.

b. potremo analizzare e discutere a fondo il progetto in modo che tutti i problemi siano chiariti e che le responsabilità vengano distribuite in base alle esigenze e alle capacità specifiche delle nostre scuole.

c. potremo organizzare la data e il programma delle attività durante la visita successiva insieme agli studenti in modo che ogni partner sappia che cosa aspettarsi  in relazione agli obiettivi del progetto.

 

2. Contenuti del secondo incontro ( sei mesi dopo il primo, quindi presumibilmente nell’aprile 2016):

a. Prima analisi dei successi ed eventuali insuccessi da parte delle scuole partecipanti.

b. Analisi e discussione delle criticità per poter predisporre soluzioni.

c. Scambio dei dati, dei materiali e delle idee su ciò che è stato fatto.

d. Analisi approfondita dei rischi, delle scadenze, del programma di cooperazione etc..

e. Sintesi del primo anno di lavoro e suggerimenti per limitare o risolvere eventuali criticità.

 

3. Il terzo incontro avrà luogo all’inizio dell’a. s. 2016/2017 e fornirà l’occasione per:

a. Trarre conclusioni puntuali sulle attività dell’anno precedente.

b. Preparare metodi e modi concreti di risolvere ed evitare problemi nel corso del progetto.

c. Analizzare i risultati.

d. Preparare i programmi delle visite successive.

e. Scambiare materiali ed esperienze.

 

4. L’ultimo incontro, che avrà luogo prima della conclusione del progetto, presumibilmente nella primavera del 2017, offrirà l’occasione per:

a. Rimuovere ostacoli o problemi per concludere con successo il progetto e raggiungere tutti gli obiettivi.

b. Raccogliere e sintetizzare i dati.

c. Realizzare scalette dettagliate delle attività e delle scadenze allo scopo di preparare tutto il materiale previsto.

d. Preparare un programma dettagliato per quello che seguirà la conclusione del progetto come eTwinning, piattaforme didattiche e altri progetti europei.

e. Preparare il programma dettagliato dell’ultimo scambio tra studenti.

 Progetto Erasmus+